0033(0)450876502 0033(0)614036861 ali.detective@gmail.com

Legislazione

Legislazione.

- Capo I Disposizioni generali

 
Art. 1 Scopo
1- Questa legge è applicabile agli agenti intermedi che esercitano l'una o l'altra delle seguenti professioni e soddisfano le definizioni di questa legge:
a) agenti commerciali;
b) agenti di informazione (agenti di informazione commerciale e investigatori privati).
2- Il dipartimento di sicurezza (di seguito: dipartimento) redige la tabella ufficiale per ciascuna di queste professioni e assicura che sia costantemente aggiornato e pubblicato ogni anno.

Art. 2 Principio di autorizzazione
1 Nessuno può esercitare, nel Cantone di Ginevra, una delle professioni degli agenti intermedi, di cui all'articolo 1, senza beneficiare di un'autorizzazione preventiva rilasciata dal dipartimento.
2 L'autorizzazione è personale e non trasferibile.
3 Può essere rilasciato solo a una persona fisica.
4 Quando una persona giuridica o entità giuridica desidera gestire una delle agenzie soggetta alle disposizioni della presente legge, l'autorizzazione viene rilasciata a un amministratore che dispone dei poteri necessari per, da un lato, rappresentare l'agenzia e assumerlo verso terzi e, d'altro canto, dirigerlo. Questo direttore deve soddisfare tutte le condizioni previste dalla legge e dai regolamenti di attuazione.

Art. 3 Rifiuto dell'autorizzazione
L'autorizzazione è rifiutata:
a) a coloro che sono privati dell'esercizio dei diritti civili;
b) al fallito non riabilitato, nonché a colui che ha sospeso i suoi pagamenti a causa dell'insolvenza generale e duratura;
c) a coloro il cui casellario giudiziale contiene una condanna penale per atti contrari alla probità;
d) a coloro la cui buona reputazione non è stata certificata da un certificato di buona condotta e buone maniere;
e) a chi è stato oggetto, per meno di dieci anni, del ritiro dell'autorizzazione di cui all'articolo 4.

Art. 4 Revoca dell'autorizzazione
1 Il dipartimento dichiara la revoca dell'autorizzazione quando non sono più soddisfatte le condizioni alle quali questa legge e i suoi regolamenti di attuazione sono soggetti alla concessione di questa autorizzazione.
2 Allo stesso modo, il ritiro può essere pronunciato temporaneamente o definitivamente, in caso di violazione di una qualsiasi delle disposizioni di questa legge o dei suoi regolamenti di attuazione.

Art. 5 Protezione degli intermediari autorizzati
1 Chiunque non sia iscritto a una delle professioni degli agenti intermedi di cui all'articolo 1:
a) usurpa un titolo che designa una di queste professioni;
b) pratica o fa credere di praticare una di queste professioni;
c) utilizza, in particolare in annunci, circolari, carta intestata, segni o in altro modo, termini che tendono a far credere che eserciti una di queste professioni,
è passibile di una multa fino a 20.000 F.

2 Il giudice può ordinare la pubblicazione della sentenza a spese della persona condannata nel Foglio degli avvisi ufficiali.
3 Anche il tentativo e la complicità sono punibili.
4 Se il reato è stato commesso nella gestione di una persona giuridica, tale persona giuridica è responsabile in solido per il pagamento dell'ammenda e delle spese.
5 Le organizzazioni professionali interessate possono intentare un'azione civile.

Art. 6 Sanzioni disciplinari
Chiunque, essendo iscritto al ruolo ufficiale di una professione di intermediario, è colpevole di una violazione dei suoi doveri professionali, è soggetto alle sanzioni disciplinari previste da questa legge, fatte salve le sanzioni che può incorrere in a causa di violazioni della presente legge e dei suoi regolamenti.

Art. 6A Commissione fiscale
Una commissione fiscale è nominata dal Consiglio di Stato. È composto dal presidente del Tribunale civile (13) che lo presiede, da un rappresentante del dipartimento e da un rappresentante della professione che prende in considerazione (agenti commerciali o agenti di informazione).
 

Art. 7 Definizione
L'agente intermediario di buona volontà è colui che esercita la professione di vendita, acquisto, vendita, consegna o acquisizione di una buona volontà, qualunque sia il tipo di attività svolta.

Art. 8 garanzie
1 L'agente intermediario di buona volontà non può esercitare la sua professione senza fornire una garanzia di 10.000 F, costituita in contanti o sotto forma di una garanzia congiunta e di varie garanzie sottoscritta da una banca approvata dal dipartimento o sotto forma di assicurazione di fideiussione stipulata con una compagnia di assicurazioni o una società professionale o mutua approvata dal dipartimento; negli ultimi due casi, l'assicurato deve giustificare in ogni momento il pagamento del premio per l'anno in corso e l'anno successivo.
2 La garanzia copre la responsabilità professionale dell'agente intermediario nell'avviamento. Non è stata rilasciata fino a due anni dalla data di cancellazione dal registro della sua professione.

Art. 9 Agente commerciale
Gli agenti aziendali debitamente autorizzati dal dipartimento che desiderano esercitare la professione di agente intermediario in buona volontà sono esenti dall'obbligo di richiedere un'autorizzazione.

Art. 10 Consiglio di vigilanza
1 Gli agenti di buona volontà sono soggetti, fatte salve le norme di diritto comune, alla supervisione di un comitato di 5 membri, composto da:
composizione
a) il consigliere di stato incaricato del dipartimento o il suo delegato, che lo presiede;
b) 1 giudice presso il tribunale civile, nominato dal tribunale;
c) altri 3 membri scelti tra agenti e agenti di affari, di cui 1 nominato dal Consiglio di Stato e 2 da tutti gli agenti e agenti di affari.

2 Inoltre, vengono scelti 2 sostituti tra gli agenti e gli agenti di buona volontà, uno dei quali è nominato dal Consiglio di Stato e l'altro da tutti gli agenti di buona volontà e agenti commerciali.
3 I regolamenti di attuazione stabiliscono la procedura per l'elezione dei 2 membri titolari e di un membro supplente da parte di tutte le imprese e agenti di commercio (11).

Art. 11 sessioni
Il comitato di vigilanza può riunirsi validamente solo se sono presenti almeno 3 dei suoi membri.

Art. 12 abilità
1 La missione della commissione di vigilanza è garantire che gli agenti in buona volontà esercitino la propria professione conformemente alle leggi, ai regolamenti, alle consuetudini e alle leggi in vigore nel Cantone.
2 In caso di colpa di un agente commerciale, la commissione, in base alla gravità del caso, può imporre le seguenti sanzioni:
a) l'avvertimento, orale o scritto;
b) rimprovero scritto;
c) sospensione, vale a dire la revoca temporanea dell'autorizzazione per un periodo da 3 mesi a 3 anni;
d) rimozione, vale a dire il ritiro permanente dell'autorizzazione.

3 Nessuna sanzione può essere imposta nei confronti dell'autore del reato senza che quest'ultimo sia stato ascoltato o debitamente convocato.
4 La sospensione e la rimozione sono soggette a ratifica da parte del dipartimento.
5 Sono pubblicati nella scheda di avviso ufficiale.


Art. 13 Definizione
1 L'agente di informazioni commerciali è colui che professa di fornire informazioni commerciali su una terza parte o su un caso specifico.
2 Il detective privato è colui che professa di fornire informazioni su una terza parte.
3 Le disposizioni degli articoli 14 e 16 si applicano sia agli agenti di intelligence commerciale sia ai detective privati.

Art. 14 Nome
A un funzionario dell'intelligence è vietato concedersi un titolo che potrebbe dar luogo all'idea che rappresenterebbe l'autorità pubblica, in particolare gli organi della polizia ufficiale.

Art. 15 Obbligo di notifica alla corona

Ogni investigatore privato a cui è stato affidato il mandato di ricercare gli autori di un reato o di un reato perseguito ufficialmente è tenuto a informare immediatamente il pubblico ministero.

Art. 16 Monitoraggio
1 I funzionari dell'intelligence sono soggetti alla sorveglianza del dipartimento.
2 In caso di colpa del responsabile dell'informazione, il dipartimento può, a seconda della gravità del caso, pronunciare le seguenti sanzioni:
a) l'avvertimento, orale o scritto;
b) rimprovero scritto;
c) sospensione, vale a dire la revoca temporanea dell'autorizzazione, per un periodo da 3 mesi a 3 anni;
d) rimozione, vale a dire il ritiro permanente dell'autorizzazione.
3 Nessuna sanzione può essere pronunciata senza che l'autore del reato sia stato precedentemente ascoltato dal Consigliere di Stato responsabile del dipartimento o debitamente convocato da quest'ultimo.
4 La sospensione e la rimozione sono pubblicate nella scheda di avviso ufficiale, una volta entrate in vigore.
 
Art. 17 Delega di poteri
1 Il Consiglio di Stato può delegare in tutto o in parte i poteri che gli sono conferiti dalla presente legge a uno o più dipartimenti.
2 In questo caso, il ricorso gerarchico al Consiglio di Stato contro le decisioni dell'autorità inferiore è aperto, prima di ricorrere alla camera amministrativa della Corte di giustizia, se i regolamenti lo prevedono.
 
Art. 18 Regolamento di applicazione
Il Consiglio di Stato è responsabile dell'emissione dei regolamenti di attuazione per questa legge.

Ricerca

Cerca persone:   Ci impegniamo a fare ogni sforzo per trovare persone che sono scomparse volontariamente o ...

Leggi di più

Indagini

Agence Leader Investigation offre a professionisti e privati diversi tipi di indagini elencate di seguito:  ...

Leggi di più

Pro Indagini

Ricerca e ricerca per professionisti Problemi interni all'azienda   Agence Leader Investigation interviene...

Leggi di più